Dormire la notte

 

Quali sono le accortezze?
non si sa come trascorrere la notte sotto l'aspetto posturale. è chiaro però che di mano in mano che il corpo si struttura correttamente, anche la postura nel sonno cercherà l'allineamento più confacente. Ci viene spesso rivolta una domanda che riguarda il problema del letto: che tipo di materasso, se le molle o le assi, il cuscino, ecc.
per ognuno di questi argomenti esiste un pullulare di opinioni e anche di interessi economici .

per noi il problema si traduce nel solito concetto:
va bene tutto ciò che serve per poter essere il più possibile correttamente allineati, affinché il corpo (connettivo, muscoli, recettori, struttura) possa recuperare la giusta forma e il giusto rapporto. purché si tenga conto del fatto che il corretto allineamento è prima di tutto un fattore intrinseco .

durante la giornata, comunque nelle ore di veglia, il corpo è soggetto alla forza di gravità ed alle contro forze che salgono dal suolo.
lo stendersi per dormire va interpretato anche come l'occasione per recuperare il corretto allineamento e come un rimedio per il recupero di messaggi recettoriali posturalmente congrui.
nella posizione clinostatica( cioè sdraiati) cambia l'azione della gravità; essa tende a spingere il corpo sul piano di appoggio e coopera all'allineamento (gravità amica). la struttura elastica passiva riallinea le parti del corpo, i muscoli a riposo si allungano o si accorciano verso la posizione normale, i tessuti che li contengono e recuperano una forma normale e una calibratura corretta. Ora, tutto sarebbe semplice se un’educazione posturale e fin dall'infanzia facesse sì che le modificazioni non congrue, verificatesi durante il giorno, fossero solo condizioni estemporanee e il "modello" reale fosse corrispondente al modello ideale.
 se il modello reale (del soggetto) è alterato, il sonno toglierà le deformazioni estemporanee della giornata. Alterazioni persistenti di tutti i tessuti ed apparati non possono risolversi con un breve allineamento tanto più che, in questo caso, l'allineamento corretto da fastidio e provoca dolore.

 pertanto il soggetto, anche dormendo, sceglierà la posizione scorretta, che non dà disturbo, insistendo nel "suo" modello e si produrranno alla fine delle degenerazioni (artrosi, tendinopatie, eccetera e) che bloccheranno il soggetto e lo renderanno succube del danno. se invece si sarà attuata una rieducazione dello schema corporeo (in un primo tempo cosciente poi spontanea) con un allineamento elastico dei tessuti e una corretta taratura dei recettori e degli schemi posturali allora, in qualsiasi momento, il corpo tenderà a riportarsi nella postura corretta.
conclusione: rieducare, riallineare, normalizzare.

in questo modo la notte farà quello che deve fare: ricomporre i disordini della giornata.
 E, alla fine, per rispondere ai quesiti iniziali:
•il materasso è il piano d'appoggio devono essere tali da non deformare il corpo e permettere la modulazione anatomica dello stesso;
•il cuscino di medio spessore;
•assenza di stimoli visivi e acustici disturbanti.

 

Condividi questo prodotto

1 review for Sit voluptatem

  • admin - November 22, 2018

    Good Product

Add a review

Your email address will not be published. Required fields are marked *


Hai bisogno di aiuto? Chatta con noi
Bisogno di aiuto? Chatta con noi
Clicca su uno degli operatori disponibili
Logo footer Emiliano Raciti Osteopata
Emiliano Raciti Osteopata
Supporto Vendite
Online